Cosa succede sui mercati – 21 dicembre 2018

Gaetano Chierici (1838-1920): PATATRAC. L’accordo sulla Brexit, al momento, vede una premier che ha rinunciato al previsto voto di ratifica a Westminster, per non essere sconfitta, e ha chiesto ai partner un aiuto che non ha avuto.

Theresa May non è riuscita a trovare una maggioranza utile a ratificare l’accordo raggiunto per lasciare l’Europa. Il nodo principale resta quello irlandese. Le tensioni legate ad Huawei (ed al 5G). La manovra italiana è stata approvata dall’Europa, rimangono, comunque dei problemi. Prospettive per il 2019.

L’ambasciatore irlandese a Roma, a dicembre, ha iniziato un intervento di fronte alle Commissioni riunite esteri e politiche europee partendo dalla guerra dei 9 anni, tra il 1594 ed il 1603, al termine della quale molte terre settentrionali irlandesi furono assegnate a protestanti inglesi e scozzesi, i progenitori degli attuali unionisti.

Leggi tutto “Cosa succede sui mercati – 21 dicembre 2018”

Cosa Succede sui Mercati – 29 Novembre 2018

Edwin Thomas Roberts (1840-1917): GOVERNANDO IL BRITANNIA. Sulla Brexit, uno dei tre elementi che più preoccupano i mercati è che si è trovato, forse, un accordo.

Le altre due aree di possibili crisi che i mercati seguono sono legate alle tensioni commerciali tra Pechino e Washington e alla manovra finanziaria che Roma intende portare avanti nonostante le critiche di tutti i partner europei. Il mercato azionario statunitense, seppur reduce da quasi 10 anni di rialzi, potrebbe aver davanti a se ancora parecchi mesi prima di invertire la tendenza.

Theresa May ha raggiunto con l’Europa un accordo che dovrà essere sottoposto, pare intorno al 10 dicembre, a Westminster e non è detto che venga approvato. La soluzione immaginata è basata sul mantenimento dell’attuale situazione in Irlanda dove non si vuole ricostruire il confine.

Leggi tutto “Cosa Succede sui Mercati – 29 Novembre 2018”

Il ruolo dell’investitore ed i compiti del Consulente (seconda puntata)

Il quadro è di Fernand LEGER, 1881-1955 : I COSTRUTTORI.

Questo articolo si propone di aiutare la comprensione dei meccanismi che sono dietro la costruzione e la modifica di un Asset Allocation (AA) nel risparmio gestito.

Possiamo dire che un AA si costruisce agendo su tre leve con diverso potenziale di influire sulla performance. Eccole in ordine di importanza: la prima è la scelta di distribuire pesi tra mercato monetario e/o liquidità, mercato obbligazionario e mercato azionario; la seconda è usata per individuare l’area geografica, il settore merceologico e la scadenza, se si tratta di obbligazioni; la terza si limita a selezionare il singolo titolo.

La responsabilità di intervenire sulle tre leve, presuppone la disponibilità di diversi tipi di informazioni e può essere, o meno, ripartita fra tre soggetti: il gestore, il consulente ed il risparmiatore. Può essere utile spendere due parole per descrivere i primi.

Leggi tutto “Il ruolo dell’investitore ed i compiti del Consulente (seconda puntata)”

Cosa può succedere all’euro?

Edwin Thomas Roberts (1840-1917): A casa sani e salvi. Ci sarà un approdo sicuro per la valuta unica?

 

Brevi cenni storici. Le aspettative di chi vorrebbe star fuori. Le risposte di chi crede nell’euro. Quello che, comunque succederebbe subito (e su cui le due parti sono d’accordo ! ). Cosa dovrebbe accadere perché la valuta unica possa andare avanti e quali sono i problemi italiani da affrontare sia fuori che dentro la valuta unica. Cosa determina lo spread.

Come sappiamo l’euro è nato, per i mercati finanziari, il primo gennaio del 1999 ed è entrato nelle tasche degli italiani tre anni dopo. Alla partenza i partecipanti erano 12, attualmente è usato da 19 dei 28 Paesi aderenti all’Unione Europea ossia da più di 340 milioni di persone. Ne sono fuori la Danimarca, l’Inghilterra, la Svezia, la Polonia, la Romania e altre nazioni dell’Europa orientale.

Leggi tutto “Cosa può succedere all’euro?”